Coding alla scuola dell’infanzia

Il coding ed il pensiero computazionale. Ma cosa sono e perché sono così importanti per i ragazzi di oggi?

Partiamo dalla parola pensiero. Si tratta di un qualcosa che ha a che fare con l’uomo. Nel regno animale solo l’essere umano ha la capacità di pensare, di “ragionare” sugli argomenti, di riflettere su come risolvere una certa situazione. Utilizziamo il pensiero per ricordare le cose più importanti, memorizzare una materia per un’interrogazione, ma soprattutto pensiamo per capire come trovare la soluzione migliore per raggiungere un traguardo. Il termine computazionale, invece, deriva dal verbo inglese “to compute”, che tradotto in italiano significa “calcolare”. Da qui il computer e, di conseguenza, computazionale, ovverosia tutto quello che ha a che fare con l’utilizzo di elaboratori elettronici. La scienza computazionale è quella branca che si occupa di adoperare i sistemi informatici per la risoluzione di problemi complessi, facendo uso di calcolatori sofisticati come aiuto per i calcoli più complicati. Il pensiero computazionale è di conseguenza l’unione del pensiero umano al sistema informatico.

Introdurre il coding all’interno del percorso didattico significa scegliere consapevolmente di portare una nuova materia in una nuova scuola. Per “nuova scuola”, infatti intendiamo un sistema innovativo e completo, che non si limiti semplicemente ad applicare metodi e schemi tradizionali. Una nuova scuola si apre ai cambiamenti e alle esigenze della società, preparando i propri alunni a diventarne parte integrante, grazie all’acquisizione di nuovi strumenti.

Anche se attualmente sono poche le scuole orientate verso questa disciplina, entro il 2022 il coding diventerà obbligatorio nella scuola dell’infanzia e primaria, per introdurre i più piccoli nel mondo della programmazione del pensiero informatico. Per raggiungere questi obiettivi non è necessario l’utilizzo di un computer o di strumenti elettronici: basterà, infatti, proporre una serie di esercizi basati su input di comando a cui corrisponde una determinata risposta (il più delle volte motoria). Questo tipo di attività sarà in grado di far scoprire ai più piccoli, in modo del tutto spontaneo, l’uso degli algoritmi per risolvere problemi con soluzioni schematiche. In pratica gli alunni impareranno a costruire, scomporre, risolvere e riflettere per arrivare ad un determinato scopo; in altre parole, svilupperanno il pensiero computazionale.

Come portare il Coding all’interno della classe, ecco alcuni spunti:

Il robot torna alla sua navicella: quello che occorre è un robot giocattolo, una navicella (questi potranno essere realizzati dai bambini con scatole colorate) e un tabellone di carta con il disegno di una griglia sull’intera superficie. Il robot va posizionato in un punto iniziale del tabellone e la navicella alla fine di esso. In alcuni quadranti della griglia saranno disegnati degli ostacoli (un muro, una montagna, una foresta). Obiettivo del gioco è fare arrivare il robot alla sua navicella. Come? L’insegnante, dopo aver diviso la classe in piccoli gruppi, si prepara a ricevere le indicazioni (destra, sinistra, avanti, giù ecc.) per spostare il robot.

Per presentare questa attività ho proposto il racconto. “UNO”.

Link: https://youtu.be/hYbeP0Cvf2I

I DUE PERSONAGGI DEL RACCONTO (realizzati con materiale di riciclo)

Un labirinto speciale: un altro spunto è quello di proporre agli alunni una serie di schede con i classici schemi dei labirinti, con la differenza che invece di una linea continua per tracciare la direzione, dovranno essere utilizzate frecce direzionali continue per tracciare il percorso giusto.

Reticolo realizzato sul pavimento della sezione

 Prima di mettere in pratica questi esercizi potrà essere opportuno proporre delle schede introduttive sulla destra, la sinistra e le direzioni. Una volta fatto sarà il momento di cominciare con l’apprendimento del coding, alla scoperta di un nuovo linguaggio fatto di simboli e icone, da usare come comandi per risolvere problemi. 

braccialetti destra/sinistra

                                                

Attività destra / sinistra

         

Percorso coding su reticolo a terra:

  1°percorso con il corpo                         

2° percorso con Bee-boot

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *