LA SCRITTURA PER USCIRE DAL MURO

Importante e formativa può essere l’esperienza scolastica che permette la contaminazione di mondi diversi, per sensibilizzare ai valori dell’essere umano. Questa volta abbiamo scelto la giustizia, la libertà, la fiducia, l’attenzione alla salute propria e degli altri.
Abbiamo insieme voluto riflettere sul ruolo dell’istruzione come potenziale strumento di recupero, oltre che come testimonianza alla comunità esterna, “che è fuori”.          
Il confronto con chi è dentro o chi è oltre, può far maturare una visione diversa e più consapevole dei muri, quelli abbattuti e quelli che ci sono ancora, quelli di filo spinato, di mattoni, di sabbia, quelli dei fantasmi della mente.

Un muro può essere tante cose, dicono gli studenti: può dividere due popoli, due città. Spesso sono creati per difendere i confini. Ce ne sono anche di antichi, diventati oggi siti turistici importanti. Un muro fa pensare: persone che fino ad un dato giorno lavorano insieme, vanno a scuola insieme, escono per una festa insieme e poi sono improvvisamente divisi …. I muri possono essere fisici ma anche psicologici, simbolici. Anche le persone possono alzare muri dentro sé stessi, per paura o per difendersi da qualcosa. Il muro può essere un ostacolo, un limite, qualcosa che ti blocca, ma che poi ti sprona a superarlo. A volte crea ansia e non si sa come abbatterlo …. Quante volte un ragazzo o una ragazza vogliono esprimere i loro sentimenti ma non ci riescono … Si creano muri immaginari che isolano gli stati d’animo … Abbattere i muri interiori vuol dire essere libero e superare barriere che altrimenti possono portare ad essere soli. I muri più invalicabili a volte sono proprio quelli della nostra mente. Spesso un muro chiude l’orizzonte, impedisce di guardare oltre … e di prendere visione di ciò che c’è al di là. Il muro può essere anche un muro comune ma maestro come quello di una casa, che ti dà protezione, ti fa sentire al sicuro e ti dà coraggio. A volte un muro delimita uno spazio ma in quello spazio trovi affetto, una famiglia e sei al riparo. Un muro maestro è anche quello spazio che costruisci mattone dopo mattone e riguarda il tuo futuro. Ci sono anche muri che difficilmente possono essere abbattuti in senso positivo come i legami di amicizia. Esistono anche muri di preghiera, luoghi sacri dove poter fare memoria. Questo forse è un muro dove si parla con Dio, ci si confida con lui …

Dirlo con una parola …

ORGANIZZARE UN EVENTO!!!!

Abbiamo così intrapreso un rapporto epistolare tra studenti e detenuti con la finalità di stare sulla domanda riguardo ai temi della legalità, del disagio minorile, della giustizia penale, dei percorsi di vita dei detenuti, della questione sicurezza.

“La giustizia umana è dare a ciascuno il suo, quella di Dio è dare a ciascuno il meglio. L’uomo ragione per equivalenza, Dio per eccedenza” Carlo Maria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *